Tenetevi le vostre benedizioni

Ri-partiamo dalla cronaca, per chi se la fosse persa. Cito la risoluzione della Congregazione della dottrina della fede (nda non pensavo ma è la ex Santa Inquisizione, per davvero, cioè qualcuno che sentenze alla cazzo di cane ne ha emesse un bel po’ nello stimato servizio a favore del Vaticano):

Non è lecito impartire una benedizione a relazioni, o a partenariati anche stabili, che implicano una prassi sessuale fuori dal matrimonio (vale a dire, fuori dell’unione indissolubile di un uomo e una donna aperta di per sé alla trasmissione della vita), come è il caso delle unioni fra persone dello stesso sesso

Qui voglio fare qualche osservazione, alcune sparse sotto forma di domande retoriche.

0. Non serve a niente far girare questa notizia come se fosse un fatto di cronaca, o essa stessa una notizia. Perché di nuovo non c’è proprio nulla e di interessante ancora meno. La Chiesa esercita la sua funzione di auto-conservazione.

  1. Cosa si aspetta l’opinione pubblica, tanto scandalizzata da percepire questo comunicato come una fatwa, dalla ex Santa Inquisizione, fabbrica morale del Vaticano?
  2. Quindi la suddetta privazione di benedizione è estesa all’insieme generico “gente che copula fuori dal matrimonio”? Vorrei chiedere questo chiarimento per capire a fondo l’attualità di questa risoluzione.
  3. Seriamente: c’è qualcuno nella comunità LGBTQ+ che vuole le benedizioni della Chiesa Cattolica? Se sì, siete in piena contraddizione, mi dispiace segnalarlo. Ma liberissimi di ricercare normalizzazione e approvazione dall’istituzione che ha fatto mettere radici al modello di famiglia del Mulino Bianco, che (sorpresa!) non esiste e si rivela spesso una fabbrica degli orrori.
  4. Io non ce l’ho né con il Papa, né con la ex Santa Inquisizione ma con chi si ostina a voler cambiare istituzioni che nascono conservatrici di base. Non è come trasformare Renata Polverini nella paladina dei diritti civili. Lasciamo fare i conservatori ai conservatori.
  5. Io sono molto felice di questa fatwa. Ma semplicemente perché segnala una cosa importantissima: l’omofobia interiorizzata all’interno di tante persone e famiglie. Ovvero ci dice che la gente ci guarda come comunità e come individui, con un misto di pietismo e apprensione. Tenetevi le vostre benedizioni. Il movimento LGBTQ+ dovrebbe restare sempre avanguardia di libertà.
  6. Provate invece a chiedere cosa sia l’inferno emotivo di una persona che non avrà mai la benedizione della propria madre o del padre. L’invisibilità esistenziale che deriva dal tabù sociale che ancora oggi esiste. O peggio: chi viene ripudiato o cacciato di casa. Forse questo è l’unico punto su cui anche la gente che sta dalla parte di Dio dovrebbe interrogarsi, e probabilmente lo fa ma non nel modo in cui vorremmo.
  7. Per concludere, l’obiettivo della vita umana dovrebbe essere il piacere (e la realizzazione del socialismo).

In copertina i Santi Sergio e Bacco, soldati romani e cristiani martirizzati e costretti a sfilare davanti alla popolazione vestiti da donna e a subire il dileggio generale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

GF Maccaferri

...e provare ad andare oltre il solito "che carino"

G-ancho ibérico

Politica e cultura sui binari di Spagna

Sui muri di Milano

Tutta la street art in giro per Milano

tbu13.wordpress.com/

Approfondimento dall'Italia e dal mondo.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: